Ecobonus, sostituire soltanto i radiatori dà diritto alla detrazione?

A rispondere a questo quesito è l’Enea che spiega come intendere la “sostituzione parziale dell’impianto” ai fini della detrazione fiscale. Il Legislatore definisce agevolabili con l’ecobonus “gli interventi di sostituzione integrale o parziale di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione, con impianti a pompa di calore ad alta efficienza e con impianti geotermici a bassa entalpia”. Con questa definizione, però, non è chiaro se, per accedere alla detrazione, basti sostituire una parte qualsiasi dell’impianto (come ad esempio i soli radiatori) o necessariamente almeno la caldaia.
L’Enea, ammettendo che manca una specifica definizione del termine “sostituzione parziale” dell’impianto, ha spiegato, dopo aver consultato il Mise, che per usufruire degli incentivi, diversi a seconda del tipo di impianto, l’intervento deve necessariamente comportare la sostituzione del generatore di calore. In aggiunta l’intervento può comprendere anche opere

Adeguamento privacy per l’amministratore di condominio: nuove responsabilità

Si è chiuso il cerchio della normativa sulla privacy, grazie all’emanazione del D.Lgs. 101 del 10/08/2018, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 4/09/2018, che è entrato in vigore dal 19/09/2018. La funzione del decreto è quella di armonizzare le norme enunciate dal nostro legislatore nel Codice in materia di protezione dei dati personali ( D.Lgs. 196/2003 ) con quelle introdotte dal Regolamento UE 16/679, divenuto definitivamente efficace e vincolante per tutti gli stati membri il 25 maggio scorso. Le ultime pubblicazioni in ordine ai risvolti della normativa sul trattamento dei dati in ambito condominiale hanno – finalmente – risvegliato l’attenzione sul problema, forse troppo spesso preso sottogamba e ridotto ad un mero aggiornamento dell’informativa (laddove la stessa fosse mai stata introdotta) introducendo il riferimento al Regolamento UE 679/2016. Abbiamo avuto ben due anni di tempo (fino al 25 maggio 2018) per prepararci, ma come sempre siamo partiti in ritardo. Molto in ritardo. Eppure ogni amministratore dovrebbe conoscere il